Ares Menfi, dopo il dg Arcudia lascia anche il dirigente Scirica

Ares Menfi, dopo il dg Arcudia lascia anche il dirigente Scirica

Archiviato il torneo di Promozione con l’undicesima sconfitta stagionale sul campo del Partinicaudace (6-3) ed un onorabilissimo sesto posto in classifica in casa Ares Menfi, dopo le dimissioni della scorsa settimana del direttore generale Enzo Arcudia, si registrano anche quelle del dirigente Sebastiano Scirica.

Il giovane esponente del sodalizio menfitano guidato dal presidente Ludovico Viviani ha deciso di lasciare la società dopo quattro anni ricchi di successi e soddisfazioni.

“Lascio a malincuore ma è arrivato il momento di mettersi da parte dopo quattro anni di intense emozioni vissute con il doppio salto di categoriaafferma Sebastiano Sciricafino ad arrivare al campionato di Promozione che ci ha permesso di confrontarci con squadre blasonate e, inevitabilmente, ci anche messo di fronte anche a costi di gestione un po’ troppo elevati. Ringrazio la persona che mi ha voluto con se in questa avventura, ovvero il presidente Ludovico Viviani che ha messo sempre anima e cuore in questo percorso. Un doveroso ringraziamento va fatto anche a tutti gli altri componenti della società, tutte persone che in maniera disinteressata tolgono tempo alle proprie famiglie per portare avanti un progetto calcistico nella città di Menfi, e a tutti i ragazzi che in questi anni hanno indossato i colori della mia città portandoli in alto.”

“L’Ares Menfi – conclude l’orma ex dirigente menfitano – è un patrimonio di questa città e spero con tutto il cuore che si riescano a trovare degli imprenditori che abbiano voglia di continuare a fare calcio portando avanti questo progetto, perché sarebbe un vero un peccato rinunciare a disputare il terzo campionato consecutivo di Promozione.”

Adesso i riflettori in casa Ares Menfi sono puntati sul futuro, e la partita più importante della stagione si disputerà nei prossimi giorni quando il presidente Ludovico Viviani, insieme agli altri dirigenti rimasti al proprio posto, organizzerà un incontro nel quale si decideranno le sorti della squadra menfitana. L’auspicio è quello che si possa ampliare la base societaria con l’ingresso di nuovi soci, in caso contrario, invece, significherebbe o la fine di un sogno o il forzato ridimensionamento dei progetti futuri.

Giannicola Scopelliti




Scrivi un commento da Facebook

Lascia un Commento