Lo “Schema” di una notte d’estate!

Lo “Schema” di una notte d’estate!

Che sia arrivata una nuova stagione ce ne siam accorti non solo per il clima torrido e non solo per Inycon, che, quest’ultima, dall’immaginario collettivo della nostra comunità, viene intesa come la festa dell’inizio dell’estate, ma da un altro fatto amministrativo che deve essere sottolineato per l‘importanza poiché apre nuove prospettive dopo un lungo periodo di parole bisbigliate.

I lettori più attenti sicuramente hanno inteso che mi riferisco allo Schema di Massima per il Piano Regolatore Generale di Menfi redatto dall’ufficio di Piano del Comune, condiviso in più incontri, arricchito da numerose proposte generali avanzate da semplici cittadini, tecnici o anche dalle Consulte (come per esempio la Consulta del Turismo), approfonditamente sviscerato dall’attenta Commissione Urbanistica dopo 19 sedute e approvato dai consiglieri comunali con 18 voti favorevoli e 2 astenuti nella seduta del consiglio comunale del 21 Giugno.

L’aspetto principale, subito tangibile anche ai non tecnici in materia, di questa nuova visione del già maggiorenne PRG di Menfi, adottato nel 1996 e approvato in via definitiva nel 2001, è quello dello sviluppo turistico.

Un aspetto che è stato colto dall’intera comunità ma soprattutto dal Consiglio Comunale che vagliando il nuovo e importante strumento urbanistico si è spogliato dei ruoli di maggioranza e di minoranza per operare responsabilmente per il bene ed il futuro della comunità menfitana e del suo territorio.

Un percorso addolcito dall’empatia e dalla volontà, di condividere un momento cruciale della vita politica e amministrativa della nostra città, da parte dell’Amministrazione Comunale.

Per troppo tempo, su questo tema, le parole dette non si sono concretizzate e, forse, una classe politica più giovane ma allo stesso tempo più decisa, oggi, ha garantito una compattezza, spiazzando anche i più “critici”, che ha inorgoglito l’Amministrazione che aveva posto al primo punto nel suo programma elettorale nel 2013 la revisione generale del PRG.

L’auspicio, a mio avviso, è quello di continuare su questo tema, un percorso di condivisione volto a rompere qualsiasi pregiudizio o steccato partitico per arrivare spediti ma attenti ad un risultato che da troppo tempo non ha permesso a Menfi di guardare ancor con più convinzione al turismo.

Un turismo rurale, un turismo intelligente, che si rafforza grazie la nostra vocazione agricola, che nato da un sogno collettivo di mezza estate, diventa nella realtà percorso e prassi quotidiana di una intera comunità.

Alfonso Fiumarella




Scrivi un commento da Facebook

Lascia un Commento