Consiglio comunale, una parte dell’opposizione “salva” la maggioranza

Consiglio comunale, una parte dell’opposizione “salva” la maggioranza

Una parte dell’opposizione “salva” la maggioranza.

Senza troppi giri di parole si può sintetizzare così il voto di salvataggio che l’opposizione ha espresso, nel Consiglio Comunale scorso, consentendo così alla maggioranza del Sindaco Lotà, che non aveva i “numeri” in seno al civico consesso per farlo da sola, di approvare il bilancio.

A Menfi l’opposizione quindi in soccorso dell’amministrazione in carica per l’approvazione del bilancio. Senza i voti dei consiglieri di Alleanza Popolare Luigi La Placa e Giuseppe Mauceri lo strumento finanziario non sarebbe stato infatti approvato.

Il capogruppo di Ap, Nadia Curreri, invece, si è astenuta.

La Placa ha motivato la decisione con il fatto che “la spesa sostenuta dal Comune ha coperto soltanto l’ordinaria amministrazione ed i servizi essenziali oltre che Inycon”, mentre per Mauceri è stato presentato un piano delle opere pubbliche migliore rispesso al passato.

I consiglieri del PD locale continuano invece a palesare la propria sfiducia verso la Giunta Lotà. Saverio Palminteri e Andrea Pellegrino (capogruppo del PD in consiglio comunale) si sono infatti astenuti (Maria Lucido, Articolo 1 – Movimento Democratico e Progressista, assente).

Astensione, che nel computo complessivo equivale a voto contrario, anche da parte di Antonella Tarantino, di Menfi 2020, gruppo che fa parte della maggioranza.

Il bilancio è stato approvato con 10 voti favorevoli, 5 contrari (Moschitta, Giarraputo, Corsentino, Viviani e Corso) e 4 astenuti (Tarantino, Pellegrino, Saverio Palminteri e Curreri).




Scrivi un commento da Facebook

Lascia un Commento