Menfi, accusato d’abuso d’ufficio. Archiviazione per tecnico dell’Utc

Menfi, accusato d’abuso d’ufficio. Archiviazione per tecnico dell’Utc

Archiviazione per un dipendente comunale di Menfi, Filippo Buscemi, di 60 anni, geometra e capo settore, che era indagato per abuso d’ufficio. Lo ha disposto il giudice per le indagini preliminari del Tribunale di Sciacca, Alberto Davico, che ha accolto la richiesta del sostituto procuratore Michele Marrone.

La vicenda riguarda la collocazione di un chiosco sulla piazza principale di Menfi e l’indagine era scattata a seguito della denuncia da parte di un menfitano che avrebbe voluto collocarlo. Il menfitano aveva avanzato la richiesta qualche anno fa ottenendo l’assenso da parte del Comune a collocarlo in una determinata zona della piazza che era stata individuata. Era stato richiesto anche un parere alla Soprintendenza ai beni culturali. Successivamente era stato assegnato al richiedente un sito più defilato rispetto alla parte centrale della piazza e questo, secondo il Comune, anche per un migliore collegamento con i servizi.

A seguito della denuncia il tecnico comunale ha nominato come proprio difensore l’avvocato Calogero Lanzarone. Alla richiesta di archiviazione da parte della Procura della Repubblica il menfitano che voleva collocare il chiosco si era opposto, sollecitando che venissero sentiti il sindaco di Menfi, Vincenzo Lotà, un altro tecnico comunale, oltre al suo tecnico di fiducia. La difesa di Filippo Buscemi si era opposta anche perché l’altro tecnico comunale era già stato sentito dai carabinieri in fase di indagini.

Per la Procura della Repubblica non era emerso alcun elemento che portasse ad ipotizzare una responsabilità del geometra Buscemi e il giudice per le indagini preliminari Alberto Davico ha accolto la richiesta disponendo, in camera di consiglio, l’archiviazione. I fatti riguardanti questa vicenda erano iniziati qualche anno fa con la richiesta avanzata per la collocazione del gazebo e adesso si sono conclusi con l’archiviazione che è stata disposta dal giudice Alberto Davico.

 

Per info: STUDIO CAMPO di Nino Campo.
 

GP – GdS.




Scrivi un commento da Facebook

Lascia un Commento