Gruppo consiliare Idea Menfi: “Conflitto di interessi tra l’Assessore al Bilancio e il presidente del collegio dei revisori dei conti del Comune”

Gruppo consiliare Idea Menfi: “Conflitto di interessi tra l’Assessore al Bilancio e il presidente del collegio dei revisori dei conti del Comune”

Dal Gruppo Consiliare Idea Menfi riceviamo e pubblichiamo integralmente la nota stampa.

A distanza di circa 1 mese dall’elezione del nuovo sindaco, rappresentiamo, con vivo stupore, l’atteggiamento di indifferenza e la protratta inerzia con cui il primo cittadino si e’ posto e continua a porsi di fronte alla profonda anomalia che investe la gestione economico-finanziaria del nostro comune.

Nello specifico, parliamo del conflitto di interessi tra l’attuale assessore al bilancio e il Presidente del Collegio dei Revisori dei Conti del Comune di Menfi, titolari di studio commercialista associato.

Una vicenda senza precedenti per il nostro Ente, che mette in evidenza un’incompatibilta’ di fondo che, oltre a non offrire garanzia di imparzialita’ sull’attivita’ di vigilanza e controllo, che deve essere esercitata dall’organo di revisione sull’operato dell’assessore al bilancio, in atto non viene sanata da alcun provvedimento finalizzato a rimuovere la causa del problema.

Certamente, non passano inosservate le sedute del collegio dei revisori che di recente si riunisce ed esprime pareri decisivi, sempre in assenza del proprio Presidente. E allora e’ lecito chiedersi: perche’ un Presidente, eletto in seno al Consiglio comunale per Presiedere un organo di un’importanza strategica, in un momento peraltro delicato per la finanza locale, non partecipa piu’ alle sedute del Collegio e non assume le responsabilita’ che dal suo ruolo discendono?

 

Per info: STUDIO CAMPO di Nino Campo.
 

Di fronte a tali comportamenti non si puo’ biasimare e censurare chi potrebbe pensar male, in considerazione che la recente normativa regionale stabilisce che, per ricoprire il ruolo di revisore di un ente locale, occorre necessariamente aver svolto un mandato completo di 3 anni, conditione indispensabile per partecipare alle future selezioni, anche in altri Comuni.

Nel frattempo, il Sindaco ha applicato la regola del silenzio assenso, consentendo all’assessore al bilancio di rimanere al proprio posto e al presidente dell’organo di revisione di continuare a percepire l’indennita’ di carica e di completare il proprio mandato fino alla scadenza naturale.
possiamo affermare con piena consapevolezza che stiamo davvero cambiando pagina.




Scrivi un commento da Facebook

Lascia un Commento