Oh perBacco, ma dov’è finito il vino ad Inycon 2016 ?!?

Oh perBacco, ma dov’è finito il vino ad Inycon 2016 ?!?

I baccanti dediti al culto di Dioniso, che hanno girovagato per il centro di Menfi alla ricerca del vino, sembrano rimasti un pochino delusi da “Inycon 2016”.  E’ la sintesi che abbiamo estrapolato anche attraverso il sondaggio lanciato sul gruppo facebook di Comunali Menfi.

Ora che sulla ventunesima edizione è calato il sipario, proviamo a fare alcune riflessioni insieme a voi.

Lungi da noi dare lezioni alle maestranze locali, già noti ed apprezzati per le loro professionalità anche oltre i confini del Belpaese, che hanno collaborato con la solita abnegazione per l’ottima riuscita di questa manifestazione. Ciò che è venuto meno a questa kermesse, secondo il nostro modesto avviso, non è collegabile alle loro performance ma bensì al costante depauperamento nel corso di questi ultimi anni della presenza di certi elementi: i nostri prodotti.

E’ lapalissiano che Inycon deve cambiare veste tornando a comunicare con più determinazione il nostro “territorio”: vino, cibo, mare, cultura. Dai social network inoltre sono emersi molti spunti interessanti che, in estrema sintesi, proviamo a riportarne un paio.

Molti ritengono che le nostre eccellenze enogastronomiche devono tornare a deliziare i palati dei tanti, gastronauti o semplici appassionati, che sono stati esortati a venire a Menfi proprio per godere di questo. In molti suggeriscono inoltre che le degustazioni vanno ri-portate in Piazza e/o nelle sue immediate vicinanze. Casa Planeta si presta perfettamente a questo ma per alcuni, oltre che ad essere stata una forzatura svolgere i principali eventi in questa location, ha tolto dal “centro” storico il vino. I cortili, divenuti per alcuni caotici per via della musica “tunzi tunzi” ad alto volume, hanno difatto disorientato il visitatore che riservava cosicchè nella piazza il luogo ideale in cui degustare del buon vino. Lo dichiara apertamente anche una turista milanese che a chi le chiedeva cosa ne pensasse di queste sere a Menfi ha risposto: “Io sono stata alle feste del vino e questa non lo è!”.

In Sicilia abbiamo inoltre il numero più alto di presidi SlowFood del mondo (ben 40) concentrati nella stessa area geografica. Mettere in mostra il nostro “Carciofo spinoso di Menfi“, collaborando con l’associazione che sà infondere in tutto il globo la cultura del buono, pulito e giusto, significa coinvolgere gran parte della nostra Isola. Una buona pianificazione della stessa, dove venga approfondito ed analizzato con attenzione ogni dettaglio, si raggiunge dopo una lunga e graduale concertazione che veda interessati, oltre alle forze politiche, anche le maestranze da coinvolgere per l’iniziativa. Conseguire una visione di intenti significa pertanto tornare a dare alla comunità la consapevolezza che Inycon riguarda ed appartiene un pò a tutti. Qualche spunto di riflessione potremmo anche coglierlo da chi propone manifestazioni analoghe alle nostre. Segnaliamo a tal proposito la decima edizione del Castelbuono Festival DiVino (gemellato con il blues and wine), in programma il prossimo 1 agosto.

Tuttavia la kermesse sul vino continua ad avere il suo fascino tanto da attrarre, secondo gli organizzatori, circa 40 mila visitatori nei tre giorni della festa.

I promotori della festa, alla luce di questi dati, gongolano per l’ottima riuscita. “Inycon ha avuto il consueto successo -dichiara il sindaco Lotà- in termini di partecipazione e qualità dell’offerta”.

 

Per info: STUDIO CAMPO di Nino Campo.
 

Di concerto Salvatore Li Petri, direttore generale di Settesoli e presidente di Sistema Vino, “Inycon si conferma un formidabile strumento di promozione territoriale. Sono stati valorizzati il territorio di Menfi ed i suoi prodotti di eccellenza e si è permesso, con questa edizione, di mettere alla prova le giovani ed eccellenti risorse umane che ci sono sul territorio”.

Ma quanto ci è costata l’edizione Inycon 2016?

La Delibera di Giunta Comunale n.95 del 15/06/2016 ha destinato alla festa fino ad un massimo di spesa di € 125.000,00.

Quanto ha contribuito la Regione?

Pare che, il condizionale è d’obbligo, nessun finanziamento arriverà dalla Regione. Con la circolare n.15043 dell’Assessorato Regionale del Turismo si evince che l’Ente ha decretato NON AMMISSIBILE una richiesta di finanziamento di € 70.234,40 avanzata dal Comune di Menfi per la realizzazione di “Inycon 2016 – Le stagioni del gusto” (dal 22 aprile al 18 ottobre 2016). Speriamo di essere smentiti.

Concludiamo chiedendo anticipatamente scusa a tutti coloro i quali dovessero sentirsi offesi dalle nostre parole e a chi di diversa opinione. Ma crediamo nel dibattito, strumento capace di garantire l’interesse collettivo, propinatore di idee oltre che “sale della vita!”.




Scrivi un commento da Facebook

Lascia un Commento