Marineria locale a rischio per il regolamento Ue

Marineria locale a rischio per il regolamento Ue

Si è concluso nel pomeriggio, a Palazzo dei Normanni a Palermo, il vertice per affrontare la questione sollevata oggi dalle marinerie di Licata, Sciacca, Porto Empedocle e Menfi, relativa al nuovo regolamento dell’Unione Europea che, di fatto, limita notevolmente il bacino di pesca.

 

Per info: STUDIO CAMPO di Nino Campo.
 

Nel corso dell’incontro è stata avanzata l’ipotesi di una moratoria del regolamento, nell’attesa di una ridiscussione di quanto stabilito dall’Unione Europea. Ma anche di forme di compensazioni per i rappresentanti delle marinerie. I tecnici dell’assessorato si sono impegnati a redigere un documento che affronti la questione.

Al regolamento (UE) n. 2019/982 è stato inserito l’articolo 9 Bis (Zone di restrizione della pesca nel Canale di Sicilia), che proibisce l’attività di pesca, con reti a strascico, nelle zone denominate “Est del Banco Avventura”, “Ovest del Bacino di Gela”, “Est del Banco di Malta”. La zona “Ovest del Bacino di Gela” è quella che interessa la marineria licatese.

Fonte: quilicata.it




Scrivi un commento da Facebook

Lascia un Commento