Menfi tra eco turismo e futuro sostenibile

Menfi tra eco turismo e futuro sostenibile

La cura dell’ambiente, la salvaguardia degli ecosistemi la preservazione della flora e della fauna e la lotta alle eco mafie, ai rifiuti e all’inciviltà diffusa sono problematiche sempre più d’attualità grazie anche alle campagne promosse dai governi nazionali, dagli enti locali e dagli organismi internali impegnati nella salvaguardia del pianeta e nella creazione di un futuro sostenibile per tutti. L’Europa in particolare con varie iniziative volte a promuovere soprattutto la raccolta differenziata sta cercando di abbattere il consumo della plastica, uno dei materiali inquinanti più temuti per via dei lunghissimi tempi di smaltimento e deperimento e per l’alto impatto ambientale legato all’equilibrio degli ecosistemi soprattutto marini. Menfi sotto questo punto di vista è tra i comuni più virtuosi di tutta la Sicilia. Nel 2012 la città del vino e del mare cristallino è entrata nella classifica dei comuni ricicloni più virtuosi d’Italia, un’iniziativa promossa da Legambiente per premiare tutte le città meritevoli in materia di raccolta differenziata dei rifiuti (Menfi all’epoca era già il settimo comune siciliano sopra i 5mila abitanti con una percentuale di riciclata superiore al 40%).

Photo by Markos90 / CC BY-SA 3.0

 

I menfitani puntano sulla valorizzazione del loro patrimonio paesaggistico promuovendo la lotta all’inquinamento e lo sviluppo di percorsi di turismo eco-sostenibile. Proprio per questo, almeno negli ultimi anni, le amministrazioni comunali che si sono succedute hanno avuto a cuore queste tematiche che scaldano l’opinione pubblica considerando anche lo scalpore mediatico suscitato dalle invettive della nuova paladina dell’ambiente Greta Thunberg che proprio recentemente, durante il vertice dell’Onu sul clima, ha catechizzato i leader mondiali promuovendo la sua crociata a difesa del pianeta replicando in questo modo il successo ottenuto a Roma lo scorso 22 aprile in occasione della Giornata Mondiale della Terra, al seguito del quale la ragazza svedese incontrò anche il Papa e si consacrò come leader e immagine della lotta al global warming e all’inquinamento globale.

Alcune iniziative volte a stimolare la promozione del turismo stanno riscuotendo un certo successo, ad esempio grazie alla cura della costa e del litorale promossa anche dai volontari del WWF Porto Palo si è recentemente trasformato in un luogo di riproduzione delle tartarughe marine caretta caretta, un segnale positivo che indica il bassissimo livello di contaminazione ambientale del mare e delle spiagge. Menfi del resto colleziona da anni bandiere blu per la pulizia del proprio patrimonio marino e grazie a questa lunga serie di riconoscimenti è anche una delle località costiere più rinomate d’Europa. Altro motivo d’interesse per i turisti deriva dell’immenso patrimonio rurale con gli oltre 7.000 ettari di territorio coltivati a vite che rappresentano circa il 40% dell’export di tutta la produzione siciliana di vino. Un’eccellenza territoriale che apre nuove rotte eco turistiche attraverso una serie d’itinerari creati appositamente per promuovere gli agricoltori locali e le loro preziose cantine favorendo la conoscenza del territorio e delle tradizioni locali.

Photo by Markos90 / CC BY-SA 3.0

 

 

Per info: STUDIO CAMPO di Nino Campo.
 

Il festival dedicato al vino “Inycon”, è ormai da anni una tappa obbligata dell’itinerario “Strada del vino Terre Siciliane” mentre sul fronte dell’eco turismo sono diverse le strutture ricettive e gli agriturismi che hanno puntato sulla valorizzazione delle colline fertili, delle tradizioni contadine e del mare cristallino. Nel frattempo Menfi è anche entrata a far parte delle mete del cicloturismo siciliano. Un progetto green che rientra nel piano Sustainable Interregional Bike Tourism dell’UE, che nel 2014 ha consentito al comune di poter riconvertire a pista ciclabile extra urbana tratti della sede ferroviaria dismessa Menfi – fiume Carboj e tratto Porto Palo – vallone Gurra di Mare” con uno stanziamento di fondi oltre 2 milioni di Euro presentato durante l’Amministrazione Botta. Un investimento che apre nuove rotte turistiche, aiuterà un’ancora più estesa conoscenza e “praticabilità” del territorio e favorirà l’economia locale consentendo di allargare il bacino d’utenza degli esercizi commerciali menfitani. Crescono anche gli impianti di energie rinnovabili (eolico e solare) sebbene questo business lucroso sia stato in passato preda delle ecomafie infiltrate nelle amministrazioni comunali e interessate soprattutto a mettere le mani sui copiosi fondi europei stanziati per il riconvertimento energetico del territorio.




Scrivi un commento da Facebook

Lascia un Commento