Sport a Menfi in grande difficoltà, Baldo Clemente interviene sull’argomento

  • Home
  • News
  • Sport a Menfi in grande difficoltà, Baldo Clemente interviene sull’argomento

Baldo Clemente, ex Assessore comunale allo sport della Giunta Botta ed attuale responsabile tecnico della Scuola Calcio ANPIEMAR, interviene così in merito alle preoccupazioni sollevate in questi giorni da mister Vito Alesi legate alla probabile mancata iscrizione della squadra al campionato di calcio di Prima Categoria.

“Apprendo con molto rammarico e dispiacere le vicende legate alle esternazioni di una persona di Sport come Vito Alesi, risorsa ed esempio per la comunità Menfitana. Sono particolarmente amareggiato -continua Baldo Clemente- per la probabile scomparsa della squadra di Calcio a Menfi, lo Sport rappresenta uno degli aspetti fondamentali della vita sociale di una Città, in particolar modo il calcio in quanto riconosciuto lo Sport Nazionale per eccellenza.

 
 

Sono particolarmente vicino a Vito Alesi, penso di conoscere bene le sue qualità, qualità che ho saputo bene individuare già 12 anni fa quando ho avuto il piacere e la fortuna di affidargli per la prima volta la conduzione di una squadra di calcio giovanile raggiungendo per altro ottimi risultati, qualità che ho continuato a sostenere anche da Assessore allo Sport nel 2012 quando Vito Alesi, con una carica e una determinazione importante mi fece conoscere un suo progetto di costruzione e creazione di una nuova Società di Calcio Ares Menfi, allora lui, persino Presidente, aveva bisogno anche di un supporto economico che io e il Sindaco Michele Botta non esitammo a concedere, i successi e la “escalation” degli anni a seguire diedero ragione a tutti.

Mi chiedo oggi come mai si possa arrivare a questa situazione, ma qualche risposta penso di averla:

1) La nostra Città è purtroppo ancora molto indietro sul concetto dell’importanza delle Attività Sportive, lo dimostra il fatto che le Società Sportive oggi debbano elemosinare il sostegno sia dalle Amministrazioni Comunali che dalle grandi Aziende sul territorio, a scanso di equivoci non mi riferisco all’attuale Amministrazione Comunale ma al livello di Cultura generale della nostra Città in questo ambito dove purtroppo le Società Sportive, quando chiedono aiuto o sostegno, vengono viste ancora con una visione errata o distorta.

2) Manca un forte scossone innovativo verso le Società Sportive. Menfi rappresenta ancora un caso raro dove le richieste di sostegno non hanno regolamentazione: ad esempio non c’è una data precisa di scadenza dove le Società possono chiedere un contributo, non c’è una commissione o non esistono dei parametri per cui le richieste vengono valutate , non esiste la distinzione tra quelle Società che fanno richieste per un evento che dura un giorno e tra quelle che, come una squadra di Calcio, svolgono attività per 10 mesi di fila; conoscendo e praticando il mondo dello Sport in Sicilia e in Italia da 30 anni personalmente valuto un aiuto economico Comunale alle Società Sportive di Menfi per una somma non inferiore a 50.000 €, tanto i contributi dati sono soggetti a rendiconto, quindi nessuna Società può percepire somme spropositate o ingiuste.

3) assenza colpevole della grande Azienda Cantine Settesoli, non esiste in tutta Europa un solo esempio cosi in negativo. Ci sono Città che usufruiscono di sponsor importanti, sostenendo squadre di Calcio anche in categorie semi professionistiche pur avendo budget inferiori 5 volte a quello della Settesoli.

4) Dirigenti Sportivi, quanti a Menfi preparati o aggiornati? Non basta essere solo appassionati o volenterosi, lo dimostra il fatto che il Real Menfi non risulta essere destinatario di contributo regionale come si evince dal Comunicato Ufficiale del Comitato Regionale FIGC numero 6 del 10 luglio, per ottenere questo contributo (valutabile intorno ai 1.500€) bisogna conoscere metodi e tempistiche. Personalmente ho il piacere di condurre da 18 anni una Scuola Calcio a Menfi, sempre raggiungendo gli obiettivi prefissati soprattutto in ottica di proposte e svolgimento di attività sane e socializzanti, ma anche del tentativo di costruzione del giovane calciatore, finora questo è stato il modo della mia Società Sportiva di aiutare il calcio a Menfi, quasi tutti i giovani che hanno esordito nelle prime squadre hanno effettuato la trafila delle giovanili con la ANPIEMAR Menfi, ogni anno escono almeno 5-6 giocatori pronti per essere inseriti, ad esempio quest’anno i nati 2003 escono dalle giovanili e a Menfi ce ne sono due/tre di ottimo livello, dove andranno a giocare?

Comunque -conclude Baldo Clemente- se dovesse esserci altro modo di sostenere Vito Alesi e/o progetti similari farò in modo di essere presente con la mia Società Sportiva , speriamo bene.




Scrivi un commento da Facebook

Lascia un Commento